Dopo lo sbandamento di maggio e di giugno il Mercato Revisioni Auto a luglio apre il gas, frena la caduta e ritorna in rotta verso gli obiettivi della previsione di inizio anno. Bene anche le moto che registrano il secondo mese di crescita, confermando la correlazione “bel tempo = + revisioni” delle due ruote.

I dati di luglio mi rincuorano: visto come erano andati maggio e giugno avevo il timore che nel Mercato Revisioni Autoveicoli stesse succedendo qualcosa di fortemente anomalo di cui, però, non riuscivo a capirne le cause.

Probabilmente mi sono sbagliato, meglio così.

Ciò che però è sempre più evidente, osservando i dati attuali con quelli di due anni fa, è che la calendarizzazione mensile sta diventando un parametro sempre più inattendibile, visto l’andamento a yo-yo che ha assunto: da inizio anno abbiamo – a intervalli quasi regolari – quattro mesi sopra i valori del 2017 e sopra la previsione e tre mesi sotto essi.

Questa è la tabella con la calendarizzazione dei volumi di revisionato per il 2019 raffrontata con gli effettivi dei mesi del 2017.

Mercato Revisioni Auto Italia: calendarizzazione dei volumi previsti per il 2019

Ora, gennaio e febbraio dovevano essere più bassi rispetto ai mesi equivalenti del 2017; invece sono stati molto più alti.

Da marzo a luglio avremmo dovuto assistere a un sistematico superamento dei volumi del 2017, invece abbiamo registrato un marzo molto più basso, un aprile in recupero, quindi nuovamente un maggio e un giugno in flessione (specie giugno) e, adesso, a un luglio in ripresa.

Puoi raffrontare tu stesso la tabella della previsione 2019 con quella dei volumi effettivi, qua sotto.

Merrcato Revisioni Auto Italia luglio 2019

Quello che questo confronto ci dice è che il criterio della previsione del revisionato mensile, basata sulla calendarizzazione storica, che tiene conto delle scadenze regolari in base alle prime immatricolazioni e alle revisioni fatte due anni prima, sta andando a farsi benedire e ci fa anche capire che l’utenza sta diventando sempre più indisciplinata e menefreghista: a titolo d’esempio, ritengo che a maggio e giugno in molti abbiano volutamente deciso di postporre la revisione a luglio, poco prima di partire per le ferie.

Detto ciò, veniamo ai dati del Mercato Revisoni Italia di luglio 2019.

A luglio le revisioni autoveicoli sono state 1.427.351, quasi 40.000 in più di luglio 2017 e oltre 21.000 sopra la mia previsione.

Percentualmente, sul mese, non stiamo parlando di variazioni enormi ma,comunque, impattanti: abbiamo infatti un +2,9% rispetto al mese di luglio del 2017 e un +1,5% sulla previsione, sufficienti però per rimescolare nuovamente le carte per quanto riguarda i volumi cumulati e la proiezione e fine anno che, adesso, vede il 2019 chiudere con circa 100.000 revisioni sul 2017 e sostanzialmente in linea al 100% con la previsione.

Prima di passare ai motoveicoli, aggiungo una nota importante: i volumi in crescita si concentrano soprattutto nelle regioni del Sud Italia, mentre i cali sono concentrati al Nord. Il Centro galleggia nel mezzo.

Per ora non pubblico le tabelle che mostrano queste forti differenze tra le tre macroaree ma mi riprometto di dedicare un articolo ad hoc a fine anno, con i consuntivi del 2019: penso proprio che vi saranno delle sorprese interessanti.

Veniamo quindi ai motoveicoli.

Con soddisfazione di molti, ho dovuto arrendermi al fatto che le moto vanno in revisione quando il tempo diventa bello, accantonando la tesi che i motociclisti “fanno il cavolo che gli pare”.

Resto dell’idea che sia un’assurdità permettere per legge che la scadenza di revisione venga in qualche modo lasciata alla discrezione del singolo ma tant’è.

I motoveicoli sono andati bene per il secondo mese di fila e, visto che anche agosto è stato particolarmente caldo e con poche piogge, non escludo possa esserci qualche sorpresa in positivo alla chiusura del mese.

I volumi in più (18.933 rispetto a luglio 2017 e 4.837 rispetto alla previsione), sono dati dalla somma dei motocicli (+ 19.715 e +7.082 rispettivamente sul 2017 e sulla previsione) e dei ciclomotori ( -782 sul 2017 e -2.245 sulla previsione).

Per quanto riguarda i volumi cumulati, invece, siamo sempre in territorio fortemente negativo: ignorando i ciclomotori in caduta libera, per i minori volumi di revisionato motocicli prendo per buona l’opinione cumune di molti operatori che attribuiscono agli elevati costi di gestione il calo delle due ruote.

Mercato Revisioni Moto Italia 2019

Giorni lavorativi di luglio del Mercato Revisioni Italia

A luglio 2019 i giorni lavorativi del Mercato Revisioni sono stati 23 + 4 mezzi sabati, per un totale di 25.

A luglio 2017 i giorni lavorativi del Mercato Revisioni sono stati 21 + 5 mezzi sabati, per un totale di 23,5.

Il mese scorso, pertanto, si è lavorato una giornata e mezza in più rispetto a due anni fa.

A livello di media giornaliera, a luglio 2019 sono state effettuate 57.094 revisioni autoveicoli/giorno e 13.700 revisioni motoveicoli/giorno.

A luglio 2017, la media giornaliera era stata invece di 59.053 revisioni autoveicoli/giorno e 13.769 revisioni motoveicoli/giorno.

Possiamo pertanto dire che, sebbene siano state fatte più revisioni del passato e del previsto, il mese di luglio 2019 in realtà non ha visto delle performance eccezionali, visto che il maggior volume è solo frutto della giornata e mezza mentre, a livello di volumi medi giornalieri, luglio 2017 è stato un mese decisamente migliore.

Auguriamoci a questo punto che le revisioni in più che luglio 2019 avrebbe potuto (almeno teoricamente) esprimere, siano state effettuate ad agosto.

Dopo due mesi in negativo, anche le radiazioni tornano a crescere

Incremento a luglio per le radiazioni di autovetture: si è registrata una crescita del 9,4% rispetto a luglio dell’anno precedente, con 140.764 pratiche contro le 128.717 di luglio 2018.

Il tasso unitario di sostituzione è stato pari a 0,77 nel mese di luglio (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 77) ed a 0,75 nei primi sette mesi dell’anno.

Aumento anche per le radiazioni dei motocicli con una variazione positiva del 12,3% e 12.340 motocicli radiati contro i 10.984 di luglio 2018.

Per i veicoli in genere è stata, infine, rilevata una crescita del 9,8%, con 166.721 radiazioni rispetto alle 151.821 del corrispondente mese del 2018.

Vediamo allora come queste radiazioni in più hanno realmente impattato sui volumi del revisionato auto di luglio.

Il responso è: meno di quello che abbiamo visto all’inizio, nella prima tabella.

Le radiazioni effettive di luglio, infatti, sono inferiori a quelle stimate a inizio anno (-3.610) e ciò implica che la Previsione Revisioni 2019 deve essere corretta, sommando quel valore sovrastimato. Ne segue che il revisionato di luglio avrebbe dovuto essere di 1.409.555 unità e, quindi, che la vera differenza con le revisioni effettive scende da 21.407 a 17.797 unità.

Mercato Revisioni Auto: impatto del radiato sul revisionato

Venendo rapidamente alle radiazioni motocicli questa è la situazione:

Mercato Revisioni Moto Italia: effetto del radiato sul revisionato

Stima e radiazioni effettive sono sostanzialmente identiche: 68 unità sono un’inezia. 

Significa che le revisioni in più sono state 7.014.

Andamento dei Centri Auto e Centri Moto a luglio 2019

Andamento piatto a saldo zero per i centri di revisione italiani: 9 hanno chiuso (o sono temporaneamente sospesi) e 9 hanno aperto (o sono stati riattivati).

Mercato Revisioni Auto: centri di revisione a luglio 2019

Idem per i centri di revisione moto: 6 chiusi e 6 aperti.

Mercato Revisioni Moto: centri di revisione a luglio 2019

Bene, questo è quanto per il mese di luglio.

Alla prossima.

 

 

SOSTIENI OSSERVATORIO REVISIONE VEICOLI

ORV si batte da sempre per una Revisione Veicoli migliore, onesta, corretta, in una parola: professionale.

ORV è l’unica realtà schierata al 100% dalla parte dei centri seri e nemica giurata dei centri disonesti e dei delinquenti.

Se ritieni che ciò che faccio sia utile e pensi che ORV debba continuare ad esistere, fai un gesto concreto:

Abbonati a QuattroDueDue

Non compri solo semplici numeri e grafici ma un potente strumento per conoscere in profondità il tuo mercato e sapere dove e quando muoverti per fare più revisioni (non lo dico io, lo affermano i tuoi colleghi già abbonati).

Io sarò sempre al vostro fianco ma mi servono le risorse per continuare a farlo.

Sostieni il mio impegno nei tuoi confronti: abbonati adesso (clicca sul banner).

Condividi

Condividi questa pagina con i tuoi amici